back  immagini di maria  home

Carrito, denominato così dal braccio della via Valeria che nel 304 a.c. il Console Valerio Massimo fece costruire per prendere i Marsi fortificati a Melonia è una frazione del comune di Ortona dei Marsi, sita lungo l’autostrada A.25 e l’asse ferroviario Roma  -  Pescara. Le sue origini religiose affondano le radici nel monastero di S. Nicola de Ferrato eretto lungo la Valle che conduce a Forca Caruso ed unisce i Peligni ai Marsi (secondo lo storico Luigi Golantoni già nel secolo VIII), ma, con l’abbandono di questo monastero, si ebbe la prima testimonianza di culto della Madonna della Pietà in Carrito Alto: inizialmente in una semplice grotta dove l’immagine era il punto di incontro per la recita del rosario e poi della costruzione di una piccola chiesa, tuttora esistente e sede dell’attuale santuario. La grande devozione dei fedeli spinse il parroco Don Antonio Pecce con lettera del 31 agosto 1990 a chiedere alle autorità ecclesiastiche di riconoscere il luogo come Santuario. Una sollecita risposta della Penitenzieria Apostolica 63/90 I del 3 settembre 1990 elargì il privilegio di poter lucrare l’indulgenza plenaria: la Penitenzieria Apostolica, dietro mandato del Sommo Pontefice, volentieri concede l’indulgenza plenaria, alle solite condizioni (sacramento della confessione, Comunione Eucaristica e preghiere secondo le intenzioni del Sommo Pontefice) ai fedeli che vogliono acquistare nel detto Santuario S. Maria della Pietà, se intervengono devotamente a qualche sacra funzione o almeno abbiano recitato la preghiera del Signore (Padre nostro) ed il simbolo della fede (credo): 

1.              Il giorno 16 agosto.

2.              Una volta l’anno per chi va singolarmente in pellegrinaggio allo stesso santuario.

3.              tutte le volte che si va in pellegrinaggio allo stesso Santuario.